Catania: un affresco di parole

Posted by on Oct 6th, 2020 and filed under News, Recensioni. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Both comments and pings are currently closed.

Un affresco. Questa è la prima parola che mi è sgorgata alla mente sfogliando le pagine del nuovo lavoro letterario di Vera Ambra.

“Catania, alla scoperta della catanesità in parole” (ed. Akkuaria) è un miracoloso affresco della città etnea. Avete presente quando entrate dentro a una stupenda cattedrale e lungo le pareti vedete raffigurate le scene più importanti della Bibbia o dei Vangeli?

Ecco, chiudete gli occhi e per un attimo immaginate di trovarvi dentro ad un museo o un antico palazzo, immaginate adesso di riaprire gli occhi e vedere scorrere intorno a voi un lunghissimo affresco raffigurante le scene salienti di un percorso che viaggia attraverso la storia, la storia di Catania.

Man mano che procedevo con la lettura e le mie dita passavano tra i fogli di carta, i miei occhi creavano sulle pareti di casa le immagini che, in modo sapiente, Vera Ambra aveva saputo mettere per iscritto.

Il saggio inizia con un percorso attraverso le parole e il dialetto catanese, descrivendone le origini e la pronuncia, procedendo poi nell’esposizione di motti, proverbi e modi di dire. Gli intercalari e i mille volti del linguaggio popolare che diventano disputa tra la fazione più benestante (i monfiani) e quella più popolana (i mammoriani). Si dà inizio così ad un lungo racconto che partendo dalla storia d’amore tra due ragazzi diventa un percorso attraverso gli scorci della città, dei mercati storici, i colori, il cibo e i piatti tipici. La nascita di Kevin che vive i decenni precedenti attraverso i racconti della nonna.

L’autrice siciliana ci mostra uno spaccato della cultura locale facendo parlare i propri protagonisti: le fontane, le piazze, i musei, i siti archeologici, le canzoni popolari e tanto altro.

I palazzi storici con le loro bellezze, i teatri e le sale cinematografiche, sono molteplici le sfaccettature e le notizie che vi possiamo trovare in un armonioso alternarsi tra parole e immagini. Sì, immagini.

Perché “Catania” è ricco di foto e di disegni realizzati da bravissimi artisti catanesi, che fanno rivivere luoghi purtroppo ormai scomparsi e ci fanno rivedere posti ancora presenti, ma con gli occhi di chi li vedeva nel passato.

Un gran lavoro è stato di certo l’aver riunito decine e decine di artisti, personaggi storici, politici, scienziati, uomini e donne del mondo culturale catanese, i protagonisti dei circoli letterari e sportivi, i personaggi famosi fino ai vip dei nostri giorni.

Il testo è scritto in modo puntuale e scorrevole, con un linguaggio che non suscita mai noia, sapendo incastrare al meglio tutte le componenti che compongono questo piccolo gioiellino culturale. Nato per trasmettere alle generazioni future tutto quello che si può sapere sulla città alle pendici dell’Etna, “Catania” può considerarsi una piccola enciclopedia utile, non solo per rispolverare antichi studi o conoscere meglio le proprie origini, ma adatto per essere donato anche a chi viene da lontano, in vacanza o in visita. Infatti può benissimo fungere da piccola guida sulla città e il suo territorio.

 In noi vivono legate insieme una memoria individuale e una collettiva. La storia è la memoria collettiva. Quando questa inizia a sbiadire o viene dimenticata non siamo più in grado si sapere chi siamo.

Concludo con questa citazione di Jorge Luis Borges

 Noi siamo la nostra memoria,
noi siamo questo museo chimerico di forme inconstanti,
questo mucchio di specchi rotti.

 Grazie a Vera Ambra e al suo libro questi mucchio di specchi sarà ancora salvo, speriamo.

Via la memoria! Viva la storia!Viva Catania!

Dario Miele

 

Comments are closed

È vietato l'uso delle immagini e dei testi non autorizzato.
© 2016 Associazione Akkuaria
Associazione Akkuaria Via Dalmazia 6 - 95127 Catania - cell 3394001417
Registrata Ufficio Atti Civili di Catania il 3 maggio 2001 al n.ro 6010-3 - C.F. 93109960877
scrivi a: veraambra@akkuaria.com