Il Coordinatore di Catania della Legione Garibaldina interviene alla presentazione del libro “Piume baciatemi..”

Posted by on May 21st, 2017 and filed under Cultura. You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0. Both comments and pings are currently closed.

Nel pomeriggio del giorno 11 maggio, nei locali di villa Fortuna ad Acitrezza (Catania), affacciata sullo splendido lungomare dei Ciclopi, sede della Pro Loco, si è tenuta a cura del Centro Studi Acitrezza diretto da Giovanni Castorina, la presentazione del libro “Piume baciatemi la guancia ardente”, biografia romanzata del bersagliere Salvatore Damaggio, eroe della Grande Guerra, scritto da Vera ambra e pubblicato dalle edizioni Akkuaria.  Con la decisiva presenza dei componenti della locale Associazione Nazionale Bersaglieri, di cui sono intervenuti Salvo Tosto, Presidente regionale della Sicilia e Vincenzo Tedesco Presidente della sezione di Catania, e l’intervento del giornalista Daniele Lo Porto, segretario Assostampa nonché vice presidente della locale sezione della Associazione Marinai d’Italia e autore della prefazione del libro, l’evento è stato ben partecipato.

Il Coordinatore per Catania e provincia della Legione Garibaldina, Cav. Dott. Francesco Giordano, invitato a tenere un intervento -anche in quanto autore della postfazione del libro-, ha intanto voluto portare il saluto della Legione a codesto evento che rammemora, nella figura del Tenente Damaggio che tenne la cima del monte Pasubio in condizioni difficilissime nel luglio 1916 meritandosi la medaglia al valore, tutti i combattenti del primo conflitto mondiale, “un massacro”, ha detto il nostro esponente, “ove la maggioranza dei Fanti provenivano dalla Sicilia e dal Sud: neppure si comprendevano perché la lingua italiana parlata non era troppo diffusa seppure la legge Coppino del 1877 istituiva, e fu merito del governo unitario nazionale mentre i Borboni mai vollero istruire le masse, la scuola elementare gratuita e pubblica per tutti: fu lo spirito di corpo e la vita comune nelle trincee accomunati dalla medesima fede nella Patria, ammantata dal sacro tricolore, che compì il miracolo della compiuta Unità nazionale .   “La Legione Garibaldina”, ha proseguito Giordano, “già nel 1914 partecipava alla grande guerra coi battaglioni di volontari nell’esercito di Francia, pugnando nelle Argonne al comando di Peppino Garibaldi figlio di Ricciotti e lasciando sul campo Bruno e Costante Garibaldi, per poi dopo l’ingresso dell’Italia nel conflitto, confluire nel Regio Esercito”.

Ha quindi ricordato la genesi della Legione, direttamente dal Corpo dei Volontari poi Esercito Nazionale che, al grido di “Italia e Vittorio Emanuele”, unificarono la Patria con la mitica spedizione dei Mille dalla Sicilia a Napoli nel maggio 1860, or sono 157 anni; come la Legione Garibaldina si sia coperta di gloria nella guerra per la libertà della Grecia e dell’Epiro combattendo a Domokos nel 1897, al comando di Menotti Garibaldi, il cui battaglione era composto da 50 volontari siciliani e catanesi, tra cui il valoroso deputato e poi Sindaco etneo Giuseppe de Felice Giuffrida;  ha altresì ricordato che se è bene che i Bersaglieri, “una specialità del Regio Esercito prima e dell’Esercito della Repubblica oggi, nelle loro associazioni, diffondano l’amor patrio anche nelle scuole, questo mai deve far dimenticare il sagrifizio di coloro che non tornarono, i morti ed i dispersi, che solo ebbero la gloria muta di compiere il loro dovere, non ad altro aspirando che alla Liberta italiana, quindi alla nostra”: in questo senso, ha precisato il Coordinatore etneo della Legione, “è importantissimo spiegare ai ragazzi il significato della Storia, particolarmente del Milite Ignoto, simbolo di tutti i caduti senza nome, verso cui deferente leviamo il nostro pensiero; la Legione è lieta di condividere questo evento patriottico, nella speranza che si persegua la diffusione dei valori della conoscenza ed amore per la nostra Italia, una e libera”.

L’evento si è concluso con la preghiera del Bersagliere, al suono dell’attenti intonato da un militare, e il ricordo del Damaggio, decorato dell’ordine della Corona d’Italia e nel volume liberamente descritto nei suoi travagli interiori.

 

Comments are closed

È vietato l'uso delle immagini e dei testi non autorizzato.
© 2016 Associazione Akkuaria
Associazione Akkuaria Via Dalmazia 6 - 95127 Catania - cell 3394001417
Registrata Ufficio Atti Civili di Catania il 3 maggio 2001 al n.ro 6010-3 - C.F. 93109960877
scrivi a: veraambra@akkuaria.com